Quindi lobiettivo nel trattamento delle ernie della colonna vertebrale

La risposta dell'Esperto - Chirurgia vertebrale: ernia del disco lombare

Dolore neuropatico nel petto e sulla schiena

More from Archivio di Ortopedia e Reumatologia. La sinovite villonodulare pigmentosa della tibio-tarsica. Storia di un caso Storia di un caso clinico. La tecnica di Risser La tecnica di Risser. La traumatologia del cingolo scapolo-omerale La traumatologia del cingolo scapolo-omerale. Le fratture toraco-lombari: il ruolo della risonanza magnetica Le fratture toraco-lombari: il ruolo della risonanza magnetica.

Osteoporosi e fragilità ossea Osteoporosi e fragilità ossea. Le fratture da fragilità scheletrica: il ruolo del reumatologo Le fratture da fragilità scheletrica: il ruolo del reumatologo.

Il trattamento della patologia degenerativa lombare in videoscopia: nostra Il trattamento della patologia degenerativa lombare in videoscopia: nostra esperienza. Trattamento di ampia ferita di gamba con esposizione tendinea con lamine Trattamento di ampia ferita di gamba con esposizione tendinea con lamine cellulari allologhe: un caso clinico. Archivio di Ortopedia e ReumatologiaDec Sergio Brambilla. A PDF file should load here. If you do not see its contents the file may be temporarily unavailable at the journal website or you do not have a PDF plug-in installed and enabled in your browser.

Toggle navigation. Storia di un caso clinico La tecnica di Risser La tecnica di Risser. Il trattamento della patologia degenerativa lombare in videoscopia: nostra esperienza Trattamento di ampia ferita di gamba con esposizione tendinea con lamine Disc herniation is a problem frequently found in clinical practice; its treatment involves, for various reasons, most health figures.

Although this is not an issue of recent acquisitions, it is still of tremendous relevance; modern diagnostic investigations, while led to a better definition of the relations between the bony and neurologic spinal structures, in some cases have led to the tendency to rely almost exclusively on diagnostic images, ignoring Quindi lobiettivo nel trattamento delle ernie della colonna vertebrale underestimating the importance of the predominant clinical findings.

This has led to the development of methods of treatment which have proven ineffective over time, with no validity and then quickly abandoned. The natural history of lumbar disk herniation reveals that large herniations typically reabsorb with time, and symptoms will improve in most patients with conservative management alone.

Most patients with lumbar disk herniations have Quindi lobiettivo nel trattamento delle ernie della colonna vertebrale improvement with conservative management during a 4—6-week period.

However, imaging and invasive procedures may be considered if symptoms persist after 4—6 weeks or if neurologic function worsens. When the anatomic level of disk herniation on imaging studies correlates with physical findings of nerve root irritation at the same level, and when the result of a straight-leg raise test is positive, surgical diskectomy may lead to symptom improvement or resolution more quickly than continued conservative management. The goal of surgery is to relieve nerve root compression or irritation from herniated disk material.

The success of the treatment of disc herniation is not possible without a thorough clinical evaluation and a careful selection of patients and a fair indication remain the basic elements from which — rather than a surgical technique — depend on the success of treatment. Le ernie del disco S. Brambilla Qtopedia e Quindi lobiettivo nel trattamento delle ernie della colonna vertebrale dedica uesto numero di Archivio di Orto alle ernie del disco; certo, si dir che non un argomento originale, che tutto gi stato scritto e riscritto, che Tutto vero, come vero il fatto che il problema riguarda un gran numero di persone, siano essi pazienti oppure tutti coloro che a vario titolo si vedono impegnati nella cura di questi malati; tema perci vecchio, ma sempre di grande attualit, probabilmente un po dimenticato e forse trascurato proprio perch non di moda.

Inoltre si tratta di un argomento che vede coinvolte pi branche specialistiche, motivo per cui mi sono rivolto ai colleghi neurologi, radiologi, reumatologi, anestesisti-terapisti del dolore, fisiatri, neurochirurghi, oltre che a ortopedici e a una personalit giuridica, proprio per cercare di avere una visione a gradi.

Ovviamente grande risalto stato dato allernia del disco lombare, in quanto si tratta di una patologia estremamente frequente, con alto impatto sociale, terreno di competenza di pi operatori sanitari. Ho pensato per di lasciare un po di spazio anche alla trattazione delle ernie discali cervicali e dorsali, di riscontro decisamente meno frequente, condizioni ancor oggi poco conosciute e per molti aspetti sottovalutate.

Le ernie cervicali vengono attualmente riscontrate con maggiore frequenza, grazie alle moderne tecniche di imaging; il loro trattamento riservato a un numero ristretto di esperti, soprattutto se si considera laspetto chirurgico. Una importante considerazione che, nel rispetto di corrette indicazioni, i risultati chirurgici sono sicuramente ottimi e duraturi nel tempo e ci dovuto, a mio parere, ad alcuni fattori decisivi, quali una tecnica radicale collaudata e sostanzialmente sicura e una selezione per certi versi naturale dei pazienti, poco propensi allintervento chirurgico percepito come difficile e rischioso i quali si sottopongono quindi con pi motivazione e attenzione ai trattamenti conservativi, che risultano spesso risolutivi.

Il segmento lombare del rachide comunque quello pi coinvolto e verso il quale si concentra lattenzione della maggior parte della popolazione. Il mal di schiena una delle cause pi frequenti di richiesta di visita medica o di accesso al Pronto Soccorso, anche se nella stragrande maggioranza dei casi la sintomatologia regredisce nel giro di pochi giorni, spesso senza una terapia specifica; altre volte lintensit del dolore comporta la perdita di giornate lavorative, con un costo sociale elevato.

Lavvento delle nuove tecniche di imaging ha permesso sicuramente una migliore visualizzazione delle strutture anatomiche vertebrali, ma questo non sempre si accompagna a una pi chiara e sicura interpretazioni delle immagini.

In altre parole, il reale rapporto fra immagini e espressione clinica tuttora lontano dallessere completamente compreso e acquisito. Sappiamo che i processi degenerativi sono collegati con linvecchiamento, ma non sappiamo, per esempio, quale significato abbia il rilevamento, su una radiografia standard, della perdita di altezza di uno o pi dischi intervertebrali: essa potrebbe infatti appartenere a un soggetto completamente Quindi lobiettivo nel trattamento delle ernie della colonna vertebrale, cos come a un soggetto sofferente da anni di lombalgia cronica.

Neppure la RMN, attraverso la dimostrazione di una diminuzione di intensit di segnale nelle sequenze sagittali T2pesate black disc degli Autori anglosassoni riesce a identificare con sicurezza la sede di provenienza del dolore: tale segno esprime sicuramente la perdita di contenuto in acqua del disco, ma non pu e non deve essere interpretato come spiegazione certa ed esclusiva della sintomatologia.

A volte la RMN pu addirittura ingenerare perplessit o indurre a diagnosi errate, attraverso una sovrastima delle immagini fornite. Negli Stati Uniti vi stato un vertiginoso aumento di interventi chirurgici sul rachide, spesso ingiustificato e legato alla introduzione di nuove tecniche e nuovi materiali Quindi lobiettivo nel trattamento delle ernie della colonna vertebrale una base spesso solo commerciale, senza un supporto di evidenza scientifica.

Ci ha contribuito allaumento della spesa sanitaria sia in maniera diretta in media Il messaggio Quindi lobiettivo nel trattamento delle ernie della colonna vertebrale intendiamo lanciare quindi quello di considerare attentamente il quadro clinico e il soggetto nella sua totalit, per evitare molti interventi troppi? Il mal di schiena low back pain comune o aspecifico rimane comunque un sintomo, non una diagnosi! Per ernia del disco si intende una patologia ben codificata, che si esprime attraverso una sintomatologia chiara, supportata e in accordo con le tecniche di imaging.

Riferendosi a dati statistici degli anni Ottanta, risulta che in Gran Bretagna vengono eseguiti interventi per ernia discale lombare con una frequenza di 10 per Lavvento di tecniche cosiddette mini-invasive ha suscitato grande interesse nellopinione pubblica e ha indotto le persone che soffrono di lombalgia a considerare questi trattamenti con maggiore fiducia e minore ansia e preoccupazione rispetto alle tradizionali soluzioni chirurgiche.

Il problema non per quello di far adattare i pazienti alle tecniche Quindi lobiettivo nel trattamento delle ernie della colonna vertebrale ancor pi alle sole tecniche che conosciamo! Lobiettivo deve essere quello di rispondere alle esigenze di salute dei malati nel modo migliore, con il minor rischio, senza promesse di guarigioni prodigiose e immediate.

Siamo stati e siamo tuttora testimoni di soluzioni spacciate per rivoluzionarie attraverso un battage pubblicitario spesso incontrollato, senza un valido substrato scientifico di supporto, cos che si assiste comunque a un overtreatment, anche se ovviamente mini-invasivo. Alcune di queste metodiche sono cadute in disuso, altre conservano ancora una loro M. Loiero U. Pini, Milano ABSTRACT Electroneurophysiological study Electroneurophysiological methods play an important role in the study of radiculopathies, helping neurologists and orthopaedic specialists in defining the diagnosis of peripheral deficits by identifying the site, quantifying the extent of the lesion and allowing a follow-up of its evolution.

Moreover, such methods are the key in performing a differential diagnosis with respect to other peripheral neuropathies, including entrapment neuropathy and plexus neuropathies. However, their implementation must always be guided by careful objective examination.

Lelettroneurofisiologia riveste un ruolo importante nello studio della patologia della colonna vertebrale, e in particolare nelle radicolopatie, in quanto, pur essendo complementare allo studio clinico, contribuisce alla definizione diagnostica, quantifica un eventuale danno periferico, aiuta a decidere lopportunit dellintervento, permette di seguire il decorso e levoluzione clinica.

Di fatto, lesame elettromiografico EMG viene richiesto, per una buona percentuale di casi, proprio per il sospetto di una radicolopatia. Cause di radicolopatie Le radici nervose possono essere compresse da varie patologie: - ernia del disco; validit, ma vengono proposte in maniera non corretta, non rispettando le giuste indicazioni e i limiti, solo per il fatto che non necessita di ricovero, non serve lanestesia, si fa soltanto un piccolo tagliettino sulla pelle e cos via, a volte sottacendo le reali conseguenze di gesti non sempre esenti da complicanze e da conseguenze nel tempo, facendo leva sullo stato emozionale dei pazienti pi che sulla reale validit delle tecniche, forse ignorando che i risultati clinici non sono tanto influenzati dalle tecniche quanto dalle corrette indicazioni e selezione dei pazienti.

Quadro clinico della spondiloartrosi e dellernia del disco Le cause pi frequenti di una radicolopatia sono lernia del disco e la spondiloartrosi. Lernia discale intervertebrale produce una compressione delle radici a un livello completamente endorachideo. Lartrosi processo degenerativo di segmenti ossei e articolazioni della colonna vertebrale viene definita spondiloartrosi e colpisce in modo particolare la colonna cervicale soprattutto la quinta, la sesta e la settima vertebra e lombo-sacrale particolarmente la quarta, la quinta e la prima vertebra sacrale.

Voglio infine ringraziare tutti coloro che hanno partecipato alla stesura di questo numero di Archivio per limpegno profuso e il tempo sottratto ai loro affetti e alla loro precipua attivit; penso che, se chi legger questa rivista potr in qualche modo trovare spunti per un arricchimento culturale o motivi di riflessione, questo sar per noi motivo di gratificazione e potremo ritenerci ripagati dello sforzo compiuto. Sergio Brambilla U. Pini, Milano Disc herniation is a problem frequently found in clinical practice; its treatment involves, for various reasons, most health figures.

Although this is not an issue of recent acquisitions, it is still of tremendous relevance; modern diagnostic investigations, while led to a better Quindi lobiettivo nel trattamento delle ernie della colonna vertebrale of the relations between the bony and neurologic spinal structuresin some cases have led to the tendency to rely almost exclusively on diagnostic images, ignoring or underestimating the importance of the predominant clinical findings.

Most patients with lumbar disk herniations have symptoms improvement with conservative management during a 4 - 6-week period.

However, imaging and invasive procedures may be considered if symptoms persist after 4 - 6 weeks or if neurologic function worsens. The success of the treatment of disc herniation is not possible without a thorough clinical evaluation and a careful selection of patients and a fair indication remain the basic elements from which - rather than a surgical technique - depend on the success of treatment.

La maggioranza dei muscoli del tronco e degli arti riceve contemporaneamente fibre da 2 o 3 radici e pertanto una lesione monoradicolare difficilmente porter a un deficit clinicamente eclatante, con atrofia muscolare. La patologia compressiva della colonna vertebrale a carico delle radici nervose di solito interessa sia la componente motoria sia quella sensitiva, e pertanto si avranno sintomi motori e sensitivi.

La distribuzione dei sintomi e del deficit neurologico rapportata ai vari segmenti permetter di individuare la sede e di localizzare la lesione. Richiami di elettroneuromiografia Lo studio elettroneurofisiologico si compone di 2 parti: elettroneurografia ed elettromiografia. Lelettroneurografia studia la componente motoria e la componente sensitiva dei tronchi nervosi; i suoi principali parametri sono rappresentati da: - studio della velocit di conduzione nervosa VdC sensitiva e motoria Figg.

Inoltre, essa comprende anche lo studio delle risposte tardive, come londa F e il riflesso H. Lo studio elettromiografico Quindi lobiettivo nel trattamento delle ernie della colonna vertebrale propriamente detto, Quindi lobiettivo nel trattamento delle ernie della colonna vertebrale con ago coassiale, studia le strutture muscolari.

Esso ci d informazioni sul muscolo e indirettamente sulla componente Fig. Misurazione della velocit di conduzione motoria del nervo ulnare. Si deriva con elettrodo di superficie dal muscolo abduttore del quinto dito e si stimola in 2 punti al polso distalmente e al gomito prossimalmente. Potenziale sensitivo SAP del nervo mediano. Con elettrodi ad anello si stimola in via Quindi lobiettivo nel trattamento delle ernie della colonna vertebrale dal secondo dito della mano e si registra con elettrodi di superficie al polso.

Il potenziale derivato ha una forma trifasica nervosa da cui il muscolo dipende. Per quanto riguarda le radicolopatie, lelettromiografia ci aiuta a definire la localizzazione della lesione e talvolta la natura della lesione Quindi lobiettivo nel trattamento delle ernie della colonna vertebrale. Le lesioni istopatologiche a carico del nervo sono fondamentalmente di 3 tipi: neuroaprassia, assonotmesi e neurotmesi.

La neuroaprassia la temporanea e parziale lesione della guaina mielinica con conservazione dellassone o delle strutture periassonali. Tale lesione reversibile in genere in qualche settimana e ha un corrispettivo elettroneurografico, di riduzione della velocit di conduzione nervosa. Lassonotmesi data dalla sofferenza dellassone, con perdita di continuit e degenerazione delle fibre a livello distale, ma con conservazione della mielina, dellinvolucro esterno del perinervio e dei tubi endoneurali.

Il quadro elettroneurografico caratterizzato soprattutto da una riduzione dellampiezza del potenziale motorio e sensitivo, mentre a livello elettromiografico si registra attivit di denervazione nelle fasi iniziali dopo settimane ; il recupero clinico pu essere anche completo o quasi nel giro di qualche mese.

La neurotmesi si verifica quando c linterruzione completa del tronco nervoso con perdita di continuit delle fibre assonali, delle guaine mieliniche e connettivali. Agli arti superiori, Quindi lobiettivo nel trattamento delle ernie della colonna vertebrale lesioni del nervo ulnare al gomito e del nervo mediano al polso presentano sintomi, come dolore, parestesie e ipostenia.

Cos, agli arti inferiori, un deficit del nervo peroneo e del nervo tibiale dovr essere differenziato da una radicolopatia rispettivamente L5 e S1, in quanto queste due patologie presentano aspetti clinici similari. Pertanto lelettroneurofisiologia, associata alla clinica, decisiva nella diagnosi differenziale delle diverse patologie che possono colpire le strutture nervose periferiche, che vanno dalla radicolopatia, alla plessopatia e alle neuropatie, in specie da intrappolamento.