Gli effetti di una ernia del disco della colonna vertebrale cervicale

Traumi delle Vertebre Cervicali: le tecniche chirurgiche più innovative per giovani e anziani

Guaritori trattano colonna vertebrale

Questa è una sezione dedicata ad approfondire alcuni dei temi trattati in riferimento alla Patologia degenerativa della colonna vertebrale. Di seguito è possibile trovare informazioni dettagliate in merito a:. Decompressione e stabilizzazione vertebrale: decorso post operatori. Scoliosi infantili 5. Scoliosi: sintomi e dolore 7. Eziopatogenesi della scoliosi ed epidemiologia. La discectomia laser è una tecnica ormai in disuso, mini invasiva ed economica.

Attraverso la discectomia laser, gli specialisti della colonna vertebrale assicurano al paziente un decorso post operatorio veloce e senza dolore. La decompressione discale percutanea con laser PLDD è un intervento di chirurgia, caratterizzato da bassa invasività. Come indica la sua denominazione, questo trattamento viene realizzato da radiologi, raramente da specialisti della colonna vertebrale facendo uso di raggio laser.

Il procedimento della decompressione percutanea con laser viene eseguito in ambulatorio praticando al paziente una semplice anestesia locale.

Il risultato della decompressione discale è molto simile alla discectomia percutanea con laser, si applica agli stessi pazienti, pochi, peraltro quelli che specialisti della colonna tratterebbero con metodiche conservative. I risultati sono frequentemente transitori, raramente si ottiene la guarigione del paziente. La coblazione discale è una tecnica utilizzata negli anni Novantaoramai in disusomai validata nella letteratura scientifica internazionale.

Pazienti trattati con questa tecnica si avvantaggerebbero maggiormente dei trattamenti fisioterapici e riabilitativi. A differenza del laser e della radiofrequenza, la coblazione discale non genera calore. In questo modo avviene la disintegrazione dei tessuti senza causare alcun danno alle strutture anatomiche circostanti. È adatta a casi di ernia contenuta e consiste in uno svuotamento parziale del disco intervertebrale, con tecniche meccaniche, fisiche o chimiche, in gli effetti di una ernia del disco della colonna vertebrale cervicale che avvenga il regresso spontaneo della protrusione erniaria.

Anche questa tecnica sacrifica il nucleo polposo pur di ottenere una decompressione indiretta gli effetti di una ernia del disco della colonna vertebrale cervicale radice nervosa. Queste procedure vengono frequentemente eseguite da radiologi, non specialisti della colonna vertebrale. Nel caso della discografia il mezzo di contrasto serve per mettere in luce la presenza nei dischi di fissurazioni anulariche sono segno di ernia. I neurochirurghi con competenza di tecniche mini-invasive come il prof.

Molto più frequentemente praticano laminotomie preservando le spinose, i legamenti sovraspinoso e interspinoso e la muscolatura adiacente. Si tratta di un intervento indicato quando ogni altra terapia conservativa ha fallito e la qualità della vita del paziente è pesantemente condizionata da quadro patologico in essere.

Si tratta, infatti, di un intervento complesso. Il paziente deve affrontare quindi un periodo di riabilitazione per tornare alle normali attività della vita quotidiana, evitando i carichi gli effetti di una ernia del disco della colonna vertebrale cervicale i primi 40 giorni. Grazie ai trattamenti mini invasivi della colonna vertebrale la convalescenza dopo un intervento di stabilizzazione vertebrale è diventata più veloce e i dolori del decorso post operatorio sono notevolmente ridotti.

Dopo un intervento di decompressione del canale vertebraleil paziente deve trascorrere qualche giorno in clinica. Successivamente per due mesi dovrà avere cura di evitare sforzi e attività che stressino la colonna vertebrale. Sono necessari esami di controllo per monitorare il processo di guarigione ed evidenziare tempestivamente eventuali problemi.

Le diverse forme di scoliosi possono essere classificate in modo differente in base al parametro di riferimento preso in considerazione. In base alla genesi della scoliosi possono essere distinte la scoliosi idiopatica, quella congenita e forme di scoliosi acquisita.

La denominazione risale al lavoro di Kleinberg del ed è riferita a tutti quei casi di scoliosi in cui non è possibile individuare una condizione patologica che abbia determinato le alterazioni strutturali della gli effetti di una ernia del disco della colonna vertebrale cervicale vertebrale. Le varianti congenite sono dovute a una malformazione delle vertebre che insorge durante la vita intrauterina. Infine, le scoliosi acquisite sono conseguenza gli effetti di una ernia del disco della colonna vertebrale cervicale traumi, patologie del sistema nervoso, disturbi reumatici, neoplasie oppure dismetrie degli arti inferiori.

La curva di compenso o secondariainvece, è quella con angolazione e rotazione inferiore. La classificazione delle scoliosi in base alla sede della curva primaria è detta topografica. Si distinguono cinque varianti:. La suddivisione delle forme di scoliosi basata sulla deviazione angolare individua tre categorie:. Si distinguono quindi la scoliosi neonatalequella infantilequella giovanile e infine quella adolescenziale.

Talora la patologia ha esordio nei primi mesi di vita, quando il soggetto ancora non cammina. In questo periodo il bambino acquisisce ben 25 centimetri di statura. Quando è presente scoliosi infantile questo periodo risulta drammatico.

Infatti, il bambino inizia a camminare al compimento del primo anno, ma a causa della patologia la schiena collassa. Viene compresso dalla curva del rachide e di conseguenza non trova lo spazio sufficiente per svilupparsi.

Se non si interviene correttamente questa condizione crea problemi di ventilazione polmonare permanenti. Nei casi più gravi insorge paraplegiacioè paralisi degli arti inferiori. La diagnosi di scoliosi infantile deve avvenire tempestivamente ed è necessario rivolgersi a centri specializzati dove operano professionisti con una buona esperienza nel trattamento di questa patologia.

Perché si possa formulare questa diagnosi lo specialista di colonna deve certificare che il paziente non sia stato affetto da scoliosi in età giovanile. Questa patologia è rapidamente progressiva con rotazione delle vertebre e spesso cifosi lombare.

Per scongiurare il rischio di una diagnosi tardiva della scoliosi, è necessario prestare attenzione negli adolescenti in età puberale ad alcuni sintomi prodromicianche in assenza di dolore:. Non è ancora stata chiarita dalla ricerca scientifica.

Deformità scoliotica: correzione con approccio anteriore, posizionamento di gabbie a livello L4-L5, L3-L4, L2-L3 e viti con metodica percutanea da D9 a L5. Antonino Raco. Approfondimenti Patologia degenerativa della colonna vertebrale. You are here: Home Patologia degenerativa della colonna vertebrale: Approfondimenti. Patologia degenerativa della colonna vertebrale: Approfondimenti 7 Dicembre by Team Raco Questa è una sezione dedicata ad approfondire alcuni dei temi trattati in riferimento alla Patologia degenerativa della colonna vertebrale.

Di seguito è possibile trovare informazioni dettagliate in merito a: 1. Decompressione e stabilizzazione vertebrale: decorso post operatori 3. Discectomia laser La discectomia laser è una tecnica ormai in disuso, mini invasiva ed economica. Coblazione discale La coblazione discale gli effetti di una ernia del disco della colonna vertebrale cervicale una tecnica utilizzata negli anni Novantaoramai in disusomai validata nella letteratura scientifica internazionale.

Genesi della scoliosi In base alla genesi della scoliosi possono essere distinte la scoliosi idiopatica, quella congenita e forme di scoliosi acquisita. Si distinguono cinque varianti: scoliosi lombare; scoliosi dorsolombare; varianti combinate dorsali e lombari; scoliosi dorsale; scoliosi cervicodorsali.